• Lannaronca

3- Tre giorni a Napoli - Terzo giorno

MARTEDÌ 28 MAGGIO 2019

Ultima colazione tutti insieme, poi facciamo il check out, lasciamo le valigie nel deposito dell’hotel ed usciamo.

Questa mattina andiamo a visitare il Duomo di San Gennaro. Non ci accorgiamo che hanno soppresso la fermata della metro che si trova a pochi passi, allora cambiamo itinerario, ma troviamo un’incredibile folla alla stazione e siamo costretti ad aspettare il treno successivo e scendiamo alla stazione Università. Nell'atrio troviamo altre opere d’arte: una grande scultura in acciaio che simboleggia i neuroni del cervello umano, due colonne nere modellate come un profilo umano e sulla parete una striscia con coloratissimi motivi geometrici tridimensionali.

Ci facciamo quasi un chilometro a piedi, con l’ombrello, tanto per cambiare piove anche stamattina, ma vediamo parecchi squarci tra le nuvole per cui siamo speranzosi, vedremo il sole? E finalmente arriviamo.

Immerso in un quartiere popolare, a due passi dal centro storico, il Duomo di San Gennaro spunta all’improvviso, quasi nascosto dalle case.

Maestoso e molto ricco nell’abbondanza delle sue opere d’arte, richiama un mix di gotico e barocco. Imperdibile la cappella di San Gennaro che si presenta come una chiesa nella chiesa. Ha 7 altari; ed affreschi molto belli e preziosi. Nella parete di fondo c’è la statua in argento di San Gennaro; sotto, in un busto d’argento sono racchiusi il cranio del Santo e le ampolle col sangue coagulato che ogni anno il 19 settembre si liquefa ed è uno dei momenti più intensi vissuti dai napoletani.

Poi entriamo nel Museo del tesoro di San Gennaro dove vediamo capolavori unici. Emozionante la quantità di gemme che adornano la mitra e il collare, si parla di 18 chili di pietre preziose e diamanti! Le luci che li illuminano e valorizzano sono perfette, soprattutto perché tutto intorno è buio. Sono bellissimi anche gli argenti cesellati e tutte le opere minori.

Il giro ci lascia senza fiato e, quando usciamo, ci brillano ancora gli occhi.

Finalmente non piove più, anzi è uscito anche il sole e noi, che non vogliamo perderci nulla di questa città, ci avviamo verso Via dei Tribunali dove, accanto alla Basilica di San Paolo Maggiore, c’è l’entrata di Napoli Sotterranea.

Facciamo i biglietti e ci fanno aspettare una mezzoretta prima di entrare, ma facciamo ugualmente la fila assieme a quelli che dovevano fare ancora il biglietto … qui funziona così! Dopo aver incontrato Arianna, la nostra giovane guida, ci “tuffiamo” a 40 metri di profondità per visitate vecchie grotte di tufo.

Napoli sotterranea è la parte nascosta della città, sotto vicoli e vicoletti, c’è un’antichissima rete di altrettante strade sotterranee. Cominciarono i greci a scavare tufo per le loro abitazioni, poi i romani adattarono le cavità per trasformarle in cisterne e portare acqua in tutte le case. Infine, durante la seconda guerra mondiale, nelle stesse cisterne vuote e ormai in disuso, furono allestiti più di 300 ricoveri che fungevano da rifugi antiaerei.

Arianna è molto preparata e, oltre alla storia della città, ci regala aneddoti divertenti

Il percorso è interessante ed avventuroso, ma dopo aver percorso uno strettissimo cunicolo, scegliamo di evitare gli altri 4 e aspettiamo la guida e i nostri compagni di viaggio in una zona un po’ più ampia.

Incontriamo anche alcune aree dedicate agli Orti ipogei, dove, lontani da smog e polveri sottili, si coltivano prezzemolo e basilico. La crescita, favorita dall’umidità dell’aria e del terreno, avviene con grande successo.

Quando risaliamo in superficie, cerchiamo di riscaldarci al sole ora che finalmente é saltato fuori, ci guardiamo attorno e andiamo a mangiare, sono ormai le due del pomeriggio. Scegliamo un posto dove fanno i fritti e la pizza a portafoglio, c’è sempre tanta gente in fila! Ci apparecchiano sotto al portico e mangiamo con gusto tutto quello che ci portano spendendo solo 5 euro a testa!

Ci è rimasto ancora un po’ di tempo per cui torniamo a San Gregorio Armeno a comprare qualche regalino e gli immancabili taralli e ci godiamo la città con il sole finalmente.

Quando arriva il momento di tornare in hotel a prendere le valigie ci accomodiamo nella terrazza e aspettiamo l’ora della partenza, ma andando in stazione, non sappiamo resistere e ci sediamo fuori da una pasticceria per gustarci le ultime sfogliatelle. Duilio e Giulio finalmente ordinano il babà scomposto, ne avevano fatto la voglia per tutto il viaggio e ora se lo gustano soddisfatti.

Prendiamo il treno per tornare a casa in perfetto orario. Siamo molto soddisfatti di questo viaggio che ci ha fatto conoscere ed amare Napoli. L’abbiamo vissuta intensamente, con la voglia di scoprire tante cose nuove e di emozionarci ad ogni angolo, ma sicuramente torneremo, vederla con il sole sarà magnifico!

13 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

Conosci l'altra mia pagina FACEBOOK? No? Allora vai a vederla!