top of page
  • Immagine del redattoreLannaronca

Crostoli o galani veneti

Aggiornamento: 20 mar 2019



Galani o crostoli

Sono per i dolci di Carnevale per eccellenza. A Bologna dove abito si chiamano sfrappole ma ogni regione ha la sua ricetta e il suo nome, si chiamano anche frappe, bugie, cenci, chiacchiere, ecc. Noi a casa li chiamavamo Galani o Crostoli e questa è la ricetta originale di mia madre che andava un po' ad occhio nelle dosi!

Ingredienti

  • 300 g di farina 00

  • 2 cucchiai abbondanti di zucchero

  • una noce di burro

  • 1 bel bicchierino di grappa (oppure di vino bianco secco)

  • 2 uova intere

  • un pizzico di sale

  • la buccia grattuggiata di un arancia non trattata

  • olio di semi di arachide per friggere o ancora meglio strutto

  • zucchero a velo

Preparazione

Impastare gli ingredienti e lavorare l'impasto in modo che alla fine non sia troppo duro, lasciarlo riposare un paio d'ore. Tirare una sfoglia molto sottile e ritagliare tanti rettangoli. Mia madre faceva all'interno di ognuno 2 tagli paralleli prima di friggere le sfoglie, oppure tirava delle strisce che poi annodava. Friggere in olio o strutto caldo e abbondante. Scolare i galani quando saranno ben gonfi e dorati e appoggiali sulla carta assorbente da cucina. Trasferirli man mano su di un piatto e spolverizzali con lo zucchero a velo quando sono ben raffreddati. Ad ogni morso si deve sentire la croccantezza e vedere una nuvola di zucchero tutta intorno, buon appetito!


106 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

Conosci l'altra mia pagina FACEBOOK? No? Allora vai a vederla!

bottom of page