• Lannaronca

1. Viaggio a Matera - 8 aprile 2019


Il nostro viaggio inizia questa mattina con il solito cliché: taxi, aeroporto, partenza. Il volo che prendiamo ci porterà a Bari in poco più di un’ora. Anche la Ryanair ricalca il solito copione: code per l’imbarco, sedili stretti, vendita di ogni cosa e arrivo con trombetta e battimani ... ah no, questa volta silenzio, arriviamo in ritardo!

In aeroporto prendiamo possesso dell’auto a noleggio, una C3 grigia e nera, comoda e nuovissima e ci mettiamo in viaggio verso Matera scrutando il cielo che si fa via via sempre più nuvoloso. La strada è breve, circa 70 km. Pranziamo alla periferia di Altamura con un meraviglioso panino di cui ricordo solo il sapore sublime del pane e quello che intravediamo dell’antico borgo, ci affascina. Ci ripromettiamo di fermarci al ritorno per approfondire ....

Arriviamo nel primo pomeriggio, parcheggiamo un po’ fuori dai Sassi e incontriamo Angelo, il nostro simpatico padrone di casa, che ci accompagna per un tratto con la sua macchina e poi a piedi fino a quella che sarà la nostra abitazione per tre giorni.

Ci troviamo proprio nel cuore del Sasso Caveoso Lo spettacolo che ci si pone davanti ci toglie il respiro per la bellezza: casine scavate nella roccia, archi e scalinate, di fronte a noi il fiume Gravina che circonda la città e le Murge su cui si vedono benissimo grandi caverne risalenti al Paleolitico.

Il nostro appartamentino è un open space, in pietra e con il soffitto ad archi, per fortuna è nuovissimo e dotato di ogni confort.

https://le-case-dilia-case-vacanza.business.site/#summary

Prendiamo subito un caffè per riprenderci e disfiamo le valigie.

Le Case DiLia, case vacanza nel cuore del Sasso Caveoso, una posizione strategica per poter visitare tutte le bellezze e gli scenari di Matera, vi offre tutto il comfort per la vostra comodità in vacanza.

Ci mettiamo subito in moto, vogliamo vedere il più possibile di questa incredibile città e cominciamo a camminare, anzi ad arrampicarci!

Matera, in fondo, si assapora così, lentamente, perdendosi nei vicoletti, salendo e scendendo gradinate, osservando affascinanti panorami.

Andiamo in cerca dell’ufficio turistico per prenotare una visita guidata e ci imbattiamo sul belvedere di fianco a Palazzo Lanfranchi, un terrazzino panoramico che ci svela una vista stupefacente di Matera e su cui incombe un cielo nuvoloso che non promette nulla di buono.

http://www.materainside.it/palazzo-lanfranchi/

Palazzo Lanfranchi si affaccia su Piazza Pascoli ed è la massima espressione dell’architettura del Seicento a Fu sede del Liceo fino al 1980. Qui infatti insegnò il poeta Giovanni Pascoli. Ora è sede del Museo Nazionale d’Arte Medioevale e Moderna della Basilicata. Davanti al portone c'è la scultura "La Goccia" di Kengiro Azuma

A ventaglio, come in un anfiteatro naturale, si staglia la città di pietra, tra guglie, rocce, pinnacoli e grotte e, solo dopo poche ore dal nostro arrivo, ci rendiamo conto che Matera è questo: stupore e meraviglia, dove il tempo sembra si sia fermato.

Ci consigliano una curiosa passeggiata su di un'Ape-car che chiamano calessino. È divertente scorrazzare tra le stradine a bordo di questo insolito mezzo: Antonio, il nostro simpatico autista, ci porta su e giù attraverso il Sasso Barisano e poi al Sasso Caveoso, ci fa scendere nei punti più belli e panoramici, non ci fa fretta e ci racconta un sacco di cose.

Ape Calessino Tour Matera

https://www.apecalessinotourmatera.com/

Prima tappa il Duomo, dove naturalmente veniamo catturati da un altro affaccio incredibile sulla città. Sorge sul punto più alto della città ed è di stile romanico. L'interno è un elegante barocco con belle opere tra cui un prezioso presepe.

Ormai piove in maniera “convinta” e noi, ad ogni fermata dobbiamo correre al riparo o aprire gli ombrelli.

L'interno è un elegante barocco con belle opere tra cui un prezioso presepe.

Ormai piove in maniera “convinta” e noi, ad ogni fermata dobbiamo correre al riparo o aprire gli ombrelli.

Altra sosta interessante è il convento di Sant'Agostino, una splendida chiesa da cui si gode un superbo panorama del Sasso Barisano. L’interno è barocco, ma la sorpresa è la scoperta della sottostante chiesa rupestre di San Guglielmo con affreschi di origine bizantina. È la prima chiesa rupestre che vediamo e ne rimaniamo molto colpiti.

Il nostro giro continua ancora con questo insolito mezzo. Percorriamo una lunga e tortuosa strada che unisce i due Sassi e costeggia il torrente. Dal parapetto si può ammirare il parco delle Murge con stradine impervie che conducono alle tante grotte risalenti alla preistoria, dove tutto è cominciato, ma quando comincia a piovere anche dentro al Calessino, dobbiamo fermarci e salutarci. Siamo molto soddisfatti, abbiamo ricevuto tanta gentilezza e competenza, ma quanto chiaccherano questi materani!

Siamo ormai vicini all'imbrunire, ma non abbiamo voglia di tornare a casa, così andiamo a prendere la macchina e ci rechiamo nel punto panoramico più famoso di Matera: Il Belvedere Murgia Timone. Siamo però sfortunati, proprio quando parcheggiamo, si alza un gran vento e si abbatte un furioso temporale, tanto che non riusciamo a scendere dalla macchina. Un po' delusi, torniamo indietro e ci accorgiamo di aver una gran fame.

Andiamo a cena da “Pane e pomodoro” un posticino caratteristico dove tra l’altro assaggiamo i famosi peperoni cruschi della tradizione locale, bruschette di pane materano condite con pomodoro e rucola e zuppa di ceci neri, una vera bontà!

E poi a letto, di corsa ......


0 visualizzazioni

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

Conosci l'altra mia pagina FACEBOOK? No? Allora vai a vederla!

© 2017 by Anna Ronca created with Wix.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

  • Youtube
  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Pinterest Social Icon