• Lannaronca

Il pane di Severina


Questa mattina molto presto, passeggiando per le stradine del mercato attorno a Via Pescherie Vecchie, mi sono bloccata di colpo: un profumo di pane fresco ha invaso le mie narici ed ha attivato di colpo un ricordo oltre che una prepotente salivazione.

Eh sì, il cibo è anche questo, profumo e il profumo evoca ricordi, luoghi, situazioni e soprattutto le persone lontane che questi luoghi e situazioni abitano.

Di colpo mi sono trovata catapultata nella cucina di mia suocera. I primi anni di matrimonio abitavamo nello stesso palazzo, allo stesso piano e mi accorgevo immediatamente quando faceva il pane dal profumo che invadeva il pianerottolo e si insinuava dentro casa. Con una scusa correvo a suonare il suo campanello e percorrevo il lungo corridoio fino alla cucina dove mi precipitavo ad assaggiarne una fetta ancora calda.

Qualche volta ero fortunata e arrivavo prima che cominciasse e allora mi sedevo comoda per godermi lo spettacolo.

Il suo pane era un paradiso di bontà, fragrante come una pasta sfoglia, con una bella crosticina in superficie, ma arrendevole sotto i denti, la sua ricetta era molto semplice: farina di grano tenero, lievito di birra, olio e latte. Finito.

Severina, così si chiamava, metteva la farina in una grossa ciotola d'acciaio, poi aggiungeva gli altri ingredienti, li lavorava finché l'olio non veniva assorbito e lasciava l'impasto friabile, a questo punto aggiungeva il latte tiepido dove aveva sciolto il lievito.

Poi raccoglieva tutto l'impasto con le mani e lo pressava sul vecchio tagliere di legno infarinato e appoggiato al tavolo da cucina. Lo stendeva fino a fargli assumere la forma di una grande pizza, poi lo lavorava alternativamente stendendo e ripiegando la sfoglia dell'impasto. Stendi e ripiega, stendi e ripiega, con movimenti sicuri e rapidi continuava a lavorare l'impasto e diceva "Vedi, è facile, cosa ci vuole? È quasi pronto". A questo punto, quando sicuramente le dolevano le braccia per il grande sforzo, si fermava, guardava la pasta, la raccoglieva in un panetto e la copriva come se fosse un bambino. Era il momento di riposarci e berci il caffè.

Ripeteva questa operazione almeno due volte e sempre dopo il raddoppio della pasta. Qualche volta andavo e venivo da casa mia alla sua, tutto il pomeriggio, finché non vedevo il prodotto finito. E finiva sempre così, noi due sedute in cucina a mangiare pane ancora caldo e a raccontarci, io le mie giornate a scuola e lei gli innumerevoli aneddoti su mio marito da piccolo.

Il pane è buono comunque e dovunque, in ogni forma. Io lo adoro e lo preferisco a molti alimenti, sì, lo ammetto: sono pane-dipendente. Purtroppo ai giorni nostri non se ne mangia più molto, complici gli snack, la dieta e i tanti spot pubblicitari, ora sembra che il pane sia gradito solo alla gente semplice, ma mi piace pensare che la gente semplice sia speciale .... a voi la conclusione!


79 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

La befana

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

Conosci l'altra mia pagina FACEBOOK? No? Allora vai a vederla!