• Lannaronca

Crauti in tecia - ricetta base

Aggiornato il: 20 mar 2019


Il cavolo-cappuccio nella sua versione “acida”, cioè messo a macerare in botticelle di legno con sale, pepe e aromi, è di provenienza austriaca. I crauti, capuzi garbi a Trieste e sauerkraut in Austria e Germania, sono un piatto tipico della cucina goriziana e triestina, ma si mangiano anche in Veneto e in Trentino Alto Adige. A casa mia e di mio marito che è triestino, non mancavano mai e venivano serviti sempre accompagnati da cotechino, salsiccie, wurstel o costine affumicate.

Ingredienti

  • 500 g di crauti (vanno bene anche in barattolo, ma devono essere crudi)

  • 1 cipolla e mezza,

  • 4/5 grani di pepe,

  • brodo leggero o acqua,

  • sale e pepe quanto basta.

Preparazione Rosolare la cipolla. Aprire la confezione di crauti, sgocciolarli bene ed eventualmente passarli rapidamente sotto l'acqua, solo se si vuole togliere l’acidità caratteristica (facoltativo), scolarli ed insaporirli per qualche minuto nel soffritto, coprire con il brodo leggero, salare, aggiungere i grani di pepe e cuocere a fuoco basso con pentola coperta, rimescolando di tanto in tanto, quando assumeranno un colore dorato saranno pronti (circa 30/45 minuti). Mia suocera, da cui ho imparato a preparare i crauti, aggiungeva sempre un pizzico di cumino (Kümmel dei prati) e diceva che ciò rendeva la pietanza più digeribile. Sono buoni sia consumati da soli che come contorno degli insaccati, specie se affumicati.


0 visualizzazioni

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

Conosci l'altra mia pagina FACEBOOK? No? Allora vai a vederla!

© 2017 by Anna Ronca created with Wix.com

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

  • Youtube
  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Social Icon
  • Pinterest Social Icon